Normative Nazionali

CSPI: Parere sullo schema di ordinanza concernente gli scrutini finali per a.s. 2020/2021

― 27 Aprile 2021

Il Consiglio Superiore della Pubblica Istruzione  ha inviato il Parere-CSPI-del-27-aprile-2021-su-schema-ordinanza-Ministero-Istruzione-su-scrutini-finali-anno-scolastico-2020-2021.

L’ordinanza ministeriale (OM) in esame propone che gli scrutini possano essere effettuati entro il termine delle lezioni fissato dai calendari delle Regioni e delle Province autonome, fermo restando l’avvio degli stessi non prima del 1° giugno 2021.
L’OM recepisce quanto previsto nel decreto-legge 19.5.2020, n. 34, convertito, con modificazioni, dalla legge 17.7.2020, n. 77, ed in particolare nell’art. 231-bis, comma 1, lett. c), in base al quale, al fine di consentire l’avvio e lo svolgimento dell’a.s. 2020/21, nel rispetto delle misure di contenimento dell’emergenza epidemiologica da Covid-19, sono adottate con ordinanza del Ministro dell’Istruzione, anche in deroga alle disposizioni vigenti, misure volte ad autorizzare i dirigenti degli uffici scolastici regionali a prevedere, per l’a.s. 2020/21, la conclusione degli scrutini entro il termine delle lezioni.
Il Consiglio Superiore della Pubblica Istruzione (CSPI) ritiene condivisibile un’indicazione non
prescrittiva della calendarizzazione degli scrutini, auspicando che le singole Istituzioni Scolastiche
possano in autonomia gestire i tempi in base alle proprie esigenze organizzative, tenendo conto della necessità di raccogliere tutte le evidenze utili per effettuare una valutazione che consideri le complesse modalità del processo di insegnamento/apprendimento di questo particolare anno scolastico.
Si chiede, inoltre, di eliminare il riferimento all’effettuazione di almeno duecento giorni di lezione
prima dell’inizio degli scrutini in quanto l’espletamento degli stessi è connesso al completamento
delle attività di valutazione e non al numero di giorni assegnato allo svolgimento delle lezioni
dell’anno scolastico.
Il CSPI esprime parere favorevole a condizione che siano apportate al testo tutte le modifiche necessarie a rendere coerente l’ordinanza con quanto indicato nel presente parere.

Utilizziamo i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione, per personalizzare contenuti, per fornire funzionalità dei social media e per analizzare il nostro traffico. Dovrai accettare l’uso dei nostri cookie per continuare a utilizzare il nostro sito web. Leggi l’informativa privacy e la cookie policy.