Centro servizi

Decreto Crescita: incentivi per la riqualificazione dei laboratori di istituti tecnici e professionali

― 30 Luglio 2019

Si segnala l’art. 49 bis del decreto crescita (dl 34/2019 convertito nella legge 58/2019) che prevede incentivi  per chi eroga liberalità per la riqualificazione di laboratori di  istituti tecnici e professionali e assume i diplomati di tali istituti

Art. 49 bis
Misure per favorire l’inserimento dei giovani nel mondo del lavoro

1) Al fine di favorire e di potenziare l’apprendimento delle competenze professionali richieste dal mercato del lavoro e l’inserimento dei giovani nel mondo del lavoro, a coloro che dispongono erogazioni liberali per un importo non inferiore, nell’arco di un anno, a 10.000 euro per la realizzazione, la riqualificazione e l’ammodernamento di laboratori professionalizzanti in favore di istituzioni scolastiche secondarie di secondo grado con percorsi di istruzione tecnica o di istruzione professionale, anche a indirizzo agrario, e che assumono, a conclusione del loro ciclo scolastico, giovani diplomati presso le medesime istituzioni scolastiche con contratto di lavoro a tempo indeterminato è riconosciuto un incentivo, sotto forma di parziale esonero dal versamento dei contributi previdenziali a carico del datore di lavoro, con esclusione dei premi e dei contributi dovuti all’INAIL, per un periodo massimo di dodici mesi decorrenti dalla data di assunzione.

2) Ai fini del riconoscimento dell’incentivo di cui al comma 1, sono ammesse le seguenti tipologie di interventi:

a) laboratori professionalizzanti per lo sviluppo delle competenze;
b) laboratori e ambienti di apprendimento innovativi per l’utilizzo delle tecnologie;
c) ambienti digitali e innovativi per la didattica integrata;
d) attrezzature e dispositivi hardware e software per la didattica.

3) L’incentivo di cui al comma 1 è riconosciuto, a decorrere dall’esercizio finanziario 2021, ai titolari di reddito di impresa e non è cumulabile con altre agevolazioni previste per le medesime spese.

4) L’incentivo di cui al comma 1 è riconosciuto solo nel caso in cui le erogazioni liberali siano effettuate sul conto di tesoreria delle istituzioni scolastiche di cui al medesimo comma 1 con sistemi di pagamento tracciabili.

5) Con decreto del Ministro dell’istruzione, dell’università e della ricerca, di concerto con il Ministro dell’economia e delle finanze, da adottare entro novanta giorni dalla data di entrata in vigore della legge di conversione del presente decreto, sono definiti le modalità ei tempi per disporre le erogazioni liberali di cui al comma 1, la misura dell’incentivo di cui al medesimo comma 1, sulla base di criteri di proporzionalità, nonché’ le modalità per garantire il rispetto, anche in via prospettica, del limite di spesa di cui al comma 7. L’INPS provvede, nei limiti delle risorse umane, finanziarie e strumentali disponibili a legislazione vigente e senza nuovi o maggiori oneri per la finanza pubblica, al riconoscimento dell’incentivo di cui al comma 1 e al monitoraggio delle minori entrate contributive derivanti dal medesimo ai fini del rispetto, anche in via prospettica, del limite di spesa di cui al comma 7.

6) Le istituzioni scolastiche del sistema nazionale di istruzione secondaria di secondo grado beneficiarie dell’erogazione liberale di cui al comma 1 pubblicano nel proprio sito internet istituzionale, nell’ambito di una pagina, nel rispetto delle disposizioni del codice in materia di protezione dei dati personali, di cui al decreto legislativo 30 giugno 2003, n. 196, l’ammontare delle erogazioni liberali ricevute per ciascun anno finanziario nonché’ le modalità di impiego delle risorse, indicando puntualmente le attività da realizzare o in corso di realizzazione. All’attuazione del presente comma si provvede nell’ambito delle risorse umane, finanziarie e strumentali disponibili a legislazione vigente e, comunque, senza nuovi o maggiori oneri per la finanza pubblica.

7) Per il riconoscimento dell’incentivo di cui al comma 1 è autorizzata la spesa di 3 milioni di euro per l’anno 2021 e di 6 milioni di euro annui a decorrere dall’anno 2022. Al relativo onere si provvede mediante corrispondente riduzione del fondo di cui all’articolo 1, comma 748, della legge 30 dicembre 2018, n. 145.  Il Ministro dell’economia e delle finanze è autorizzato ad apportare, con propri decreti, le occorrenti variazioni di bilancio.

 

Utilizziamo i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione, per personalizzare contenuti, per fornire funzionalità dei social media e per analizzare il nostro traffico. Dovrai accettare l’uso dei nostri cookie per continuare a utilizzare il nostro sito web. Leggi l’informativa privacy e la cookie policy.