Normative Nazionali

DECRETO SOSTEGNI BIS in Gazzetta ufficiale

― 26 Maggio 2021

Il presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha firmato il decreto Sostegni-bis.

Il provvedimento (di 78 articoli), approvato giovedì, aveva avuto un rallentamento a causa della necessità, da parte del governo, di rivedere la norma sul blocco dei licenziamenti.

Il testo entra in vigore, ma per diventare legge dovrà passare, come è noto, l’esame del Parlamento dovrà potrà essere cambiato. L’esame inizierà prima dalla Camera (dove si potrà modificare) e poi al Senato.

Testo integrale del Decreto sostegni bis – Decreto Legge 25 maggio 2021, n. 73 Misure urgenti connesse all’emergenza da COVID-19, per le imprese, il lavoro, i giovani, la salute e i servizi territoriali,  pubblicato in Gazzetta Ufficiale (GU Serie Generale n.123 del 25-05-2021), in vigore dal 26 maggio 2021.

L’art. 58 introduce alcune misure per la scuola (tra cui i fondi alle paritarie di cui riportiamo in seguito il testo).

FONDI SCUOLE PARITARIE:

Art. 58. Misure urgenti per la scuola comma 5 (fondi per le paritarie 50 mln; destinazione fondi prevista nel comma 4).

comma 4: Al fine di contenere il rischio epidemiologico in relazione all’avvio dell’anno scolastico 2021/2022, nello stato di previsione del Ministero dell’istruzione è istituito un fondo, denominato “Fondo per l’emergenza epidemiologica da COVID-19 per l’anno scolastico 2021/2022”, con lo stanziamento di 350 milioni di euro nel 2021, da destinare a spese per l’acquisto di beni e servizi. Il fondo è ripartito con decreto del Ministro dell’istruzione di concerto con il Ministro dell’economia e delle finanze, con l’unico vincolo della destinazione a misure di contenimento del rischio epidemiologico da realizzare presso le istituzioni scolastiche statali e nel rispetto dei saldi programmati di finanza pubblica.

comma 5: Per le medesime finalità di cui al comma 4 (vedi sopra) alle scuole primarie e secondarie paritarie, facenti parte del sistema nazionale di istruzione di cui all’articolo 1 della legge 10 marzo 2000, n. 62, è erogato un contributo complessivo di 50 milioni di euro nell’anno 2021. Con decreto del Ministro dell’istruzione il predetto contributo è ripartito tra gli uffici scolastici regionali in proporzione al numero degli alunni iscritti nelle istituzioni scolastiche paritarie di cui al precedente periodo. Gli uffici scolastici regionali provvedono al successivo riparto in favore delle istituzioni scolastiche paritarie primarie e secondarie in proporzione al numero di alunni iscritti nell’anno scolastico 2020/2021, compresi i servizi educativi autorizzati.

 

 

Utilizziamo i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione, per personalizzare contenuti, per fornire funzionalità dei social media e per analizzare il nostro traffico. Dovrai accettare l’uso dei nostri cookie per continuare a utilizzare il nostro sito web. Leggi l’informativa privacy e la cookie policy.