Normative Nazionali

GAZZETTA UFFICIALE: Decreto Legge Sostegni Quater. “Misure urgenti di sostegno nel settore energetico e di finanza pubblica”

― 21 Novembre 2022

Come anticipato nel Comunicato Stampa del Consiglio dei Ministri n. 4 del 10 novembre 2022, è stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale – Serie Generale n. 270 del 18.11.22, il Decreto Legge 18 novembre 2022, n. 176, recante “Misure urgenti di sostegno nel settore energetico e di finanza pubblica“.

In sintesi i contenuti principali:

  • All’Articolo 1, sono confermati per il mese di dicembre 2022 i contributi straordinarisotto forma di credito d’imposta, a favore delle imprese per l’acquisto di energia elettrica e gas naturale“, previsti dalla Legge 17 novembre 2022, n. 175.
  • All’Articolo 2, è prorogato dal 19 novembre al 31 dicembre 2022 lo sconto fiscale sulle accise della benzina e del diesel.
  • All’Articolo 3, comma 1, si dà la possibilità alle imprese con utenze collocate in Italia “di richiedere la rateizzazione degli importi dovuti a titolo di corrispettivo per la componente energetica di elettricità e gas naturale utilizzato per usi diversi dagli usi termoelettrici“, per i consumi effettuati dal 1° ottobre 2022 al 31 marzo 2023 e fatturati entro il 30 settembre 2023. Tali imprese potranno farne richiesta ai fornitori, attraverso le modalità stabilite con decreto del Ministro delle imprese e del made in Italy, in accordo con il Ministro dell’ambiente e della sicurezza energetica, “da adottare entro trenta giorni dalla data di entrata in vigore del presente decreto“.  La richiesta di rateizzazione è effettuabile da un minimo di 12 ad un massimo di 36 rate mensili.
  • All’articolo 3, comma 10, lettera b si porta da 600 a 3000 euro il  tetto definito dal D.L. 9 agosto 2022, n. 115 per l’esenzione fiscale dei cosiddetti “fringe benefit” aziendali le somme erogate o rimborsate ai medesimi dai datori di lavoro per il pagamento delle utenze domestiche del servizio idrico integrato, dell’energia elettrica e del gas naturale.
  • All’Articolo 9, è ridefinito il cosiddetto superbonus, rimodulato al 90 per cento per le spese sostenute nel 2023 per i condomini e possibilità, anche per il 2023, di accedere al beneficio per i proprietari di singole abitazioni, a condizione che si tratti di prima casa e che i proprietari stessi non raggiungano una determinata soglia di reddito (15mila euro l’anno, innalzati in base al quoziente familiare).
  • All’Articolo 14 comma 3, sono individuati i fondi per il rinnovo del contratto del personale scolastico statale.

Si ridefinisce infine a 5000 euro il tetto per l’uso del contante.

Utilizziamo i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione, per personalizzare contenuti, per fornire funzionalità dei social media e per analizzare il nostro traffico. Dovrai accettare l’uso dei nostri cookie per continuare a utilizzare il nostro sito web. Leggi l’informativa privacy e la cookie policy.