Normative Nazionali

MINISTERO ISTRUZIONE: FAQ per compilazione Rilevazione funzionamento Scuole Paritarie

― 1 Ottobre 2021

Nell’area SIDI sono state pubblicate le FAQ, relative alla compilazione della piattaforma Ministeriale per la Rilevazione del funzionamento Scuole Paritarie a.s. 21/22, nell’area Scuole paritarie > Rilevazione Funzionamento > Scuole Paritarie > (scelta contesto)> nella barra del menù in alto trovate la voce FAQ.

Le FAQ sono il frutto del lavoro di interlocuzione tra Fidae e FOE, in rappresentanza di Agorà e il Ministero dell’Istruzione.
Per le indicazioni relative alla compilazione della Rilevazione sui docenti vedere al link.

Ricordiamo che la piattaforma SIDI chiuderà al 22 ottobre p.v.

Le riportiamo di seguito:

FAQ RILEVAZIONE FUNZIONAMENTO SCUOLE PARITARIE
1. Qualora la scuola non visualizzi i dati presenti in “Anagrafe delle scuole non statali” come deve operare?
L’utente scuola accede al Sidi con le proprie credenziali. Cliccando su “Servizi Sidi” – “Scuole Paritarie” – “Rilevazione Funzionamento Scuole Paritarie” – automaticamente si apre la scelta con un menu a tendina del contesto, dal quale è possibile selezionare la scuola di riferimento. Selezionata la scuola e scegliendo la funzione “Gestione Dichiarazione” verranno visualizzati le diverse sezioni della dichiarazione. All’interno delle sezioni saranno visualizzati alcuni dati già presenti nell’area “Gestione Anno Scolastico” – “Anagrafe scuole non statali”. Tutti i dati saranno MODIFICABILI ma non andranno ad aggiornare i dati presenti nell’area “Gestione Anno Scolastico” – “Anagrafe scuole non statali”.
Due le situazioni anomale che si possono verificare:
a) la scuola non trova in SIDI il codice meccanografico: vuol dire che l’utente che sta operando non è abilitato su quella scuola. Per essere abilitato ad operare su SIDI- Gestione utenze Sidi, cliccare su Richiesta Profilatura e con la funzione “Richiesta modifica o cancellazione profilo” richiedere l’aggiunta di un codice scuola al proprio profilo (per maggiori informazioni consultare la guida);
b) la scuola non trova l’anagrafica precompilata: si suggerisce di accedere, sempre da SIDI, su “Gestione Anno Scolastico” – “Anagrafe scuole non statali”, selezionare il attraverso un menù a tendina e verificare quali informazioni siano presenti in quanto è da questa sezione che il SIDI attinge i dati per la precompilazione del “Modello di funzionamento”.
In ogni caso qualora i dati non siano precompilati è possibile inserirli direttamente contesto nel Modello di funzionamento.
2. Entro quale data deve essere inviata la dichiarazione di funzionamento?
Le scuole devono attenersi alle indicazioni date dai singoli USR, ove emanate. La piattaforma SIDI per la Rilevazione funzionamento Scuole Paritarie, con la Dichiarazione di regolare funzionamento, resta aperta sino al 22 Ottobre p.v..
I° riquadro
3. Per le scuole primarie, il sistema non consente di inserire nel campo ore di sostegno numeri superiori a 99, come procedere?
Il sistema è stato modificato ed è possibile inserire il dato con tre cifre.
II° riquadro
4. Nel riquadro parità riconosciuta con decreto, quali dati inserire?
Se l’informazione è presente in “Anagrafe scuole non statali” il campo è precompilato con gli estremi del DM; se il campo fosse vuoto va inserito il n. del DM e/o la data di emanazione del decreto (il campo è a testo libero).
III° riquadro
5. Nella scelta della forma giuridica per società si intendono sia Enti commerciali che non commerciali: srl, imprese sociali, coop. Sociali, snc, sas, srl, spa?
Sì.
6. Le Associazioni si possono essere inserite in “altro” ?
Sì.
7. Come procedere per allegare il Modello A?
Si deve allegare il “Modello A” trasmesso agli USR, richiesto ai fini della corresponsione dei contributi a.s. 2020/21 previsti dal D.M. n. 61 del 10 marzo 2021 e conservato agli atti dalle scuole.
Riquadro COORDINATORE DELLE ATTIVITA’ DIDATTICHE E EDUCATIVE
8. Come procedere per indicare il titolo di studio del coordinatore didattico?
Ai sensi del Dm 83/2008 n. 6 e 7 “(…) Nelle scuole dell’infanzia e delle scuole primarie il coordinatore didattico deve essere in possesso di titoli culturali o professionali non inferiori a quelli previsti per il personale docente; nelle scuole secondarie di primo e secondo grado il coordinatore didattico deve essere in possesso di laurea o titolo equipollente”.
Per la scuola dell’Infanzia e per la scuola primaria è considerato titolo abilitante il diploma magistrale conseguito entro l’a.s. 2001/2002, pertanto in questo caso selezionare dal menù a tendina “altro titolo abilitante”.
CLASSI e NUMERO ALUNNI
9. A quale norma occorre far riferimento per l’individuazione dell’alunno disabile?
Occorre far riferimento alla legge 5 febbraio 1992, n. 104, e successive disposizioni applicative, come riportato nell’annuale decreto che stabilisce “criteri e parametri per l’assegnazione dei contributi alle scuole paritarie di ogni ordine e grado” (per l’a.s. 2020/2021 D.M. 61 del 10.03.2021, art. 9).
10. Nell’area di inserimento classi e alunni quante sezioni/classi possono essere inserite?
È previsto l’inserimento di 20 sezioni per le scuole dell’infanzia e 15 sezioni per un numero di classi variabile per gli altri ordini di scuola.
REGOLAMENTO DEI DIPENDENTI E DEI DOCENTI
11. Il campo Link regolamento dei dipendenti e dei docenti è obbligatorio?
SI, ma essendo il campo a testo libero può essere inserita la dicitura ‘non disponibile’ se il regolamento non è stato pubblicato e/o stilato dall’Ente.
CALENDARIO SCOLASTICO
12. Quali dati inserire in rifermento al calendario scolastico nel campo calendario festività?
È auspicabile inserire, oltre alla dicitura ‘quelle stabilite dal calendario regionale’, anche eventuali festività precipue deliberate dalla singola scuola.
13. Nel campo calendario festività non vengono riconosciuti alcuni caratteri speciali ad esempio il “–“ o la ”/”. Come operare?
Il problema è stato risolto. Si suggerisce di non utilizzare eventuali caratteri non riconosciuti.
14. Per orario scolastico si intende solo quello curriculare?
Sì. Qualora l’orario curricolare fosse diversificato in alcuni giornate può essere specificato nel campo Note.
ORGANI COLLEGIALI
15. Nel campo “Numero” occorre inserire il numero di organi o il numero di componenti degli organi?
Deve essere inserito il numero degli organi dello stesso tipo.
16. Come operare se qualche Organo non fosse ancora stato costituito?
I campi denominazione e composizione sono a testo libero ed è possibile precisare che l’Organo è “in via di costituzione”; inserendo nel campo numero “0” la data di costituzione risulta non obbligatoria.
PTOF
17. Quale data inserire per l’approvazione del PTOF?
Deve essere indicata la data della delibera dell’organo collegiale che lo ha approvato (Collegio docenti, Consiglio di Istituto, Consiglio di Amministrazione…).
DICHIARAZIONE FINALE
18. Nella dichiarazione finale, dove si devono elencare le scuole gestite, cosa deve essere indicato?
Devono essere indicati: denominazioni e codici meccanografici delle scuole che afferiscono allo stesso istituto scolastico paritario (anche se su più plessi). Ad esempio, se un Ente Gestore ha tre ordini di scuola (infanzia/primaria/secondaria di I° grado) in differenti plessi ma afferenti all’unico Istituto scolastico paritario e sta compilando la dichiarazione per la scuola dell’infanzia, inserirà denominazione e codice meccanografico della scuola primaria e secondaria di I° grado. In caso di Enti Gestori con più istituti scolastici, nella stessa regione/città o comune non è necessario inserire in questa sede l’elenco di tutti gli istituti scolastici gestiti, ma come sopra precisato solo delle scuole afferenti allo stesso istituto scolastico.

Utilizziamo i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione, per personalizzare contenuti, per fornire funzionalità dei social media e per analizzare il nostro traffico. Dovrai accettare l’uso dei nostri cookie per continuare a utilizzare il nostro sito web. Leggi l’informativa privacy e la cookie policy.