Normative Lombardia

USRL: Nota Direttore Generale su Ordinanza Regionale 714 e Nota Ministeriale

― 5 Marzo 2021

Ai Dirigenti scolastici e ai Coordinatori didattici
delle scuole statali e paritarie della Lombardia LORO SEDI
e, p.c. Ai Dirigenti degli UU.SS.TT. della Lombardia LORO SEDI

Oggetto: Sospensione della didattica in presenza disposta dall’Ordinanza Regionale n.714 del
04/03/2021 – Misure urgenti per la prevenzione e gestione dell’emergenza epidemiologica da
Covid-19 in relazione al territorio della Regione Lombardia

Con la presente si invitano le SS.LL. a prendere immediata visione dell’Ordinanza della Regione Lombardia n.714 del 04/03/2021 e a garantirne l’immediata applicazione.
Considerato il rapido peggioramento della situazione epidemiologica in tutti i territori della Lombardia, anche in relazione alle classi di età più giovani, è stata disposta la sospensione della didattica in presenza dal 5 marzo e fino al 14 marzo 2021 nelle scuole dell’infanzia, nelle scuole primarie, nelle istituzioni scolastiche secondarie di primo e secondo grado statali e paritarie. È, inoltre, sospesa l’attività didattica in presenza nelle istituzioni formative professionali secondarie di secondo grado (IeFP), negli istituti tecnici superiori (ITS) e nei percorsi di istruzione e formazione tecnica superiore (IFTS).
Proseguono regolarmente in presenza i servizi per la prima infanzia (nidi e micro nidi).
Sulla base dell’evoluzione del contesto epidemiologico saranno eventualmente fornite ulteriori diverse indicazioni.
Ciò premesso, si ricorda che, in ottemperanza alle disposizioni di cui all’allegata nota esplicativa del Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 2 marzo 2021, emanata dal Ministero dell’Istruzione DPIT prot. n. 343 del 4 marzo 2021 restano attuabili le disposizioni del Piano Scuola 2020-2021 (“Documento per la pianificazione delle attività scolastiche, educative e formative in tutte le Istituzioni del Sistema nazionale di Istruzione”, approvato con DM 26 giugno 2020, n. 39), nella parte in cui prevedono che vada garantita anche “la frequenza scolastica in presenza… degli alunni e studenti figli di personale sanitario o di altre categorie di lavoratori, le cui prestazioni siano ritenute indispensabili per la garanzia dei bisogni essenziali della popolazione”, secondo quanto indicato dalla nota 1990/2020, “nell’ambito di specifiche, espresse e motivate richieste e … anche in ragione dell’età anagrafica”, oltre alla possibilità di ricorrere alla didattica in presenza ove si renda necessario l’uso di laboratori e nei casi in cui questa sia finalizzata a mantenere una relazione educativa che realizzi l’effettiva inclusione scolastica degli alunni con disabilità e con bisogni educativi speciali, anche con riferimento a situazioni di “digital
divide” non altrimenti risolvibili.

Con i più cordiali saluti.
IL DIRETTORE GENERALE
Augusta CELADA

Utilizziamo i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione, per personalizzare contenuti, per fornire funzionalità dei social media e per analizzare il nostro traffico. Dovrai accettare l’uso dei nostri cookie per continuare a utilizzare il nostro sito web. Leggi l’informativa privacy e la cookie policy.