Normative Lombardia

USRL: Regolamento delle visite ispettive

― 22 Luglio 2022

L’Ufficio Scolastico Regionale per la Lombardia comunica che il documento redatto dal Coordinamento regionale dei Dirigenti Tecnici denominato Regolamento-delle-visite-ispettive è stato adottato nella versione rivista al 20 luglio 2022 che sostituisce ogni altro analogo documento pubblicato dalla stessa Direzione.

______***______

In seguito al Decreto del Ministero dell’Istruzione del 21 febbraio 2022, n. 41: “Modalità di esercizio della funzione tecnico-ispettiva, ai sensi dell’articolo 8 del Decreto del Presidente del Consiglio dei
ministri 30 settembre 2020, n. 166” che ravvisava la necessità di garantire uniformità procedurale all’avvio e allo svolgimento delle azioni afferenti all’area tecnico-ispettiva, nonché le modalità di segnalazione e richiesta finalizzate ai relativi accertamenti, l’USRL, acquisito il documento elaborato dal Coordinamento dei Dirigenti Tecnici dell’Ufficio Scolastico per la Lombardia ha adottato con decreto 2772 del 15-07-2022 il Regolamento-delle-visite-ispettive.

“Rimangono in capo al Direttore Generale i provvedimenti conseguenti all’esito della visita
ispettiva sui Dirigenti Scolastici (responsabile del procedimento è il Dirigente posto a capo del
costituito UCPD per l’Area Dirigenziale Istruzione e Ricerca incardinato presso l’Ufficio I della
Direzione Generale) e di revoca della parità scolastica di cui alla legge 62/2000 (responsabile del
procedimento è il Dirigente dell’Ufficio XII).”

Il paragrafo 2.3 del documento pubblicato al link sopra indicato, è dedicato alle Ispezioni relative alle istituzioni scolastiche paritarie e non paritarie.

2.3) Ispezioni relative alle istituzioni scolastiche paritarie e non paritarie
Accanto ad accertamenti eventualmente richiesti finalizzati alla verifica dei requisiti previsti per
il riconoscimento e il mantenimento della parità (articoli 4.1 e 5.7 del D.M. 10/10/2008, n. 83),
sono previste, anche in relazione ad eventuali segnalazioni, specifiche azioni di verifica e di
monitoraggio del regolare funzionamento delle istituzioni scolastiche paritarie, con particolare
riferimento allo svolgimento degli esami d’idoneità e, nell’ambito della più generale attività di
vigilanza di cui al punto successivo, degli esami di Stato, recependo le indicazioni generali
previste dall’art. 1, c. 152 della legge 13/07/2015, n. 107.
Per gli Istituti iscritti all’Albo regionale delle scuole non paritarie sono previsti accertamenti
ispettivi, finalizzati all’inclusione e mantenimento nel suddetto elenco regionale, secondo quanto
previsto dall’art. 1 c. 5 del DM 10.10.2008, n. 82.
Le ispezioni di cui sopra sono richieste dall’Ufficio XII, competente per attribuzione, mediante
una specifica distinta inoltrata al Coordinamento dei Dirigenti Tecnici prima dell’inizio dell’anno
scolastico di riferimento per l’avvio, rispettivamente, di nuove parità, di estensioni di parità e di
attivazione di nuove scuole non paritarie.
Il Coordinamento sottopone al Direttore Generale la proposta di assegnazione degli incarichi,
tenendo contro dei principi di rotazione previsti dal DM 41/2022. Tale proposta potrà
contemplare anche l’impiego di Dirigenti Scolastici in servizio, di altra provincia rispetto alla
scuola da esaminare, e facenti parte di un elenco annualmente aggiornato dal Coordinamento
dei Dirigenti Tecnici. Tali Dirigenti Scolastici partecipano a specifiche attività formative previste
dal Coordinamento.
Richieste di ispezione relative ai trasferimenti di sede e richieste specifiche per situazioni
problematiche sono trattate al bisogno nella medesima forma. Visite ispettive sulle scuole
straniere, ai sensi del DPR 389/94 art. 4 c. 1 e dell’OM 5/1999, art. 6 c. 2, sono da ritenersi
assolutamente eccezionali e da istruire solo laddove la concessione del relativo nulla-osta sia
particolarmente problematica Gli esiti dell’ispezione sono comunicati dall’incaricato, oltre che alla Direzione Generale, anche all’Ufficio XII per i provvedimenti amministrativi conseguenti.
Nel corso dello svolgimento i Dirigenti incaricati utilizzano, eventualmente integrandolo al
bisogno, specifici modelli annualmente rivisti collegialmente dai Dirigenti Tecnici in servizio e
approvati dal Dirigente dell’Ufficio XII e dal Direttore Generale.
Le segnalazioni degli utenti del segmento paritario e non paritario afferenti controversie sui
contratti di servizio con le istituzioni scolastiche di iscrizione (rette, rateizzazioni, termini e
modalità specifici etc.), pur se potenzialmente rilevanti ai fini della condizione di istituto paritario
o non paritario, esorbitano dalla cognizione di eventuali indagini ispettive.

Altre tipologie di ispezioni, oltre a quelle relative alle istituzioni scolastiche paritarie e non paritarie, previste dal Regolamento:
• Ispezioni relative ai dirigenti scolastici;
• Ispezioni relative alle procedure di cui all’art. 14, c. 3 del DM 850/15;
• Ispezioni relative alla competenza didattica, culturale e pedagogica dei docenti;
• Ispezioni relative all’incompatibilità ambientale;
• Ispezioni relative al personale ATA;
• Ispezioni su procedure amministrative e valutative;
• Ispezioni relative agli enti di formazione, ai sensi della direttiva 170/2016;
• Ispezioni relative a progetti di innovazione e sperimentazione didattica;
• Ispezioni relative alla conflittualità tra componenti scolastiche.

 

 

Utilizziamo i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione, per personalizzare contenuti, per fornire funzionalità dei social media e per analizzare il nostro traffico. Dovrai accettare l’uso dei nostri cookie per continuare a utilizzare il nostro sito web. Leggi l’informativa privacy e la cookie policy.