Normative Lombardia

USRL: Ripresa delle attività didattiche in presenza per le classi II e III della Secondaria di I e per tutte le classi della Secondaria di II grado

― 11 Aprile 2021

Pubblicata sul sito dell’USRL la nota Protocollo 7134 _del 10_04_2020 avente per oggetto: Decreto Legge 1° aprile 2021, n. 44. Ripresa delle attività didattiche in presenza per le classi II e III della Scuola secondaria di I grado e per le classi della Scuola secondaria di II grado.

Si comunica che è stata emanata l’Ordinanza del Ministro della salute del 9 aprile 2021, che disporrà il passaggio della nostra Regione in zona arancione a decorrere dal 12 aprile prossimo.
Ai sensi dell’ art. 2, comma 2, del Decreto Legge 1 aprile 2021, n. 44, pertanto, dalla data sopra indicata:
–  “(…) le attività scolastiche e didattiche per il secondo e terzo anno di frequenza della scuola secondaria di primo grado si svolgono integralmente in presenza”;
– “le istituzioni scolastiche secondarie di secondo grado adottano forme flessibili nell’organizzazione dell’attività didattica, ai sensi degli articoli 4 e 5 del decreto del Presidente della Repubblica 8 marzo 1999, n. 275, affinché sia garantita l’attività didattica in presenza ad almeno il 50 percento, e fino a un massimo del 75 per cento, della popolazione studentesca mentre la restante parte della popolazione studentesca delle predette istituzioni scolastiche si avvale della didattica a distanza”.
Nel riorganizzare in tal modo il servizio di istruzione, le SS.LL. si atterranno alle indicazioni fornite dai competenti Uffici territoriali del Governo nei piani operativi a suo tempo definiti, pertanto la ripresa delle attività didattiche per le scuole del secondo ciclo avverrà garantendo la frequenza del 50% degli studenti, avendo riguardo di concordare preventivamente con le competenti prefetture le proposte di modifica in aumento delle percentuali di studenti in presenza oltre il 50% e di mantenere il doppio scaglione di ingresso con la relativa, equilibrata distribuzione degli studenti.
Resta sempre garantita la possibilità di svolgere attività in presenza qualora sia necessario l’uso di laboratori o per mantenere una relazione educativa che realizzi l’effettiva inclusione scolastica degli alunni con disabilità e con bisogni educativi speciali.
Si richiama in particolare, ad adiuvandum, il principio di precauzione affermato anche dalla nota del Capo
dipartimento per il sistema educativo di istruzione e di formazione del Ministero n. 491 del 6 aprile 2021
e l’invito ivi proposto ad assumere la responsabilità collettiva per il futuro e il benessere delle nuove generazioni: “…nel tempo attuale occorre proseguire l’impegno del mondo adulto che fa scuola e, in misura accresciuta di quello esterno alla scuola, a costruire con costanza e responsabilità, spazi di relazionalità paziente. Recuperando la virtù della prudenza, che non è lentezza, ma fare nel tempo
dovuto. Donandosi quindi il tempo necessario per la riflessione critica e per l’elaborazione dei complessi e dolorosi momenti che viviamo. Questi stili educativi sono da preservare da parte di tutto il mondo adulto, per potere essere più e meglio attenti e dediti alla cura del vissuto, non poche volte sofferto, dei nostri studenti.”
Gli Uffici di Ambito Territoriale e il Servizio ispettivo regionale rimangono a disposizione per le attività di
supporto e consulenza che si rendessero necessarie.
Ringraziando per la consueta fattiva e resiliente collaborazione, porgo cordiali saluti.

IL DIRETTORE GENERALE
Augusta CELADA

Documento firmato digitalmente ai sensi del Codice dell’Amministrazione digitale e norme ad esso connesse

 

Utilizziamo i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione, per personalizzare contenuti, per fornire funzionalità dei social media e per analizzare il nostro traffico. Dovrai accettare l’uso dei nostri cookie per continuare a utilizzare il nostro sito web. Leggi l’informativa privacy e la cookie policy.