News

AGIA: Dispersione scolastica – “Subito aree di educazione prioritaria nelle zone a rischio”

― 4 Giugno 2022

Autorità Garante dell’Infanzia e dell’Adolescenza, News, garanteinfanzia.org, 01.06.22

Una News dell’Autorità Garante dell’Infanzia e dell’Adolescenza (AGIA), pubblicata il 1 giugno 2022, rende noto che è stato pubblicato il Risultato di un’Indagine relativa alla dispersione scolastica. Il  documento sembra confermare il cliché largamente diffuso in base al quale gli studenti provenienti da contesti familiari, culturali e sociali più fragili manifestano un peggior rendimento scolastico e rischiano maggiormente di abbandonare gli studi e che tra gli alunni stranieri il tasso di abbandono è tre volte quello degli italiani.

L’Autorità, Carla Garlatti, ha proposto una serie di iniziative per intervenire sul fenomeno, sintetizzate in sette raccomandazioni alle istituzioni, alle imprese, alle parti sociali, agli ordini professionali e al terzo settore. Tali raccomandazioni sono dettagliate, a partire dalla pagina 86 del documento, e sono:

  1. “investire nel sistema integrato dei servizi socioeducativi e dei servizi educativi zero-sei;
  2. promuovere la piena partecipazione dei genitori nei servizi zero-sei e negli istituti scolastici e formativi;
  3. potenziare l’orientamento degli studenti fin dal primo ciclo di istruzione;
  4. potenziare gli interventi di prevenzione secondaria per il contenimento e il contrasto della dispersione e dell’abbandono nelle scuole, a livello strutturale, pedagogico – didattico e organizzativo;
  5. istituire aree di educazione prioritaria nelle zone del Paese a più alto rischio di esclusione sociale;
  6. intervenire sulle competenze di base della popolazione adulta quale presupposto per creare le condizioni familiari necessarie al contrasto della dispersione scolastica;
  7. assicurare una governance integrata e una valutazione sistematica delle politiche educative e sociali necessarie a supportare una Strategia nazionale di prevenzione e contrasto alla dispersione e per la riuscita scolastica”.

Nelle pagine del Report sono esplicitate in dettaglio in quale modo le istituzioni potrebbero mettere in campo iniziative specifiche per calare nella prassi i 7 punti di cui sopra.

Per approfondire:

 

Utilizziamo i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione, per personalizzare contenuti, per fornire funzionalità dei social media e per analizzare il nostro traffico. Dovrai accettare l’uso dei nostri cookie per continuare a utilizzare il nostro sito web. Leggi l’informativa privacy e la cookie policy.