News

INVALSI: I risultati dell’Indagine IEA ICCS 2022

― 28 Novembre 2023

Un’Informativa di INVALSIOpen.it rende nota la pubblicazione della terza edizione dell’Indagine ICCS – International Civic and Citizenship Education Study condotto dalla IEA – International Association for the Evaluation of Educational Achievement. Scopo della Survey è quello di “identificare ed esaminare i modi in cui i giovani vengono preparati per svolgere in modo attivo il proprio ruolo di cittadini in società democratiche“.

Come si legge nell’articolo, “ICCS 2022 ha coinvolto circa 3.400 dirigenti scolastici, 40.000 insegnanti e 82.000 studenti provenienti da 22 Paesi e da due Entità subnazionali. Il campione italiano è costituito da circa 4.300 studenti di terza media, 2100 insegnanti e 226 dirigenti scolastici“.

L’indagine rileva un oscillazione media nella scala di conoscenza civica che varia da 452 a 583 punti.

A livello internazionale, gli studenti provenienti da nuclei familiari con status socio-economico più elevato hanno dimostrato una conoscenza civica mediamente più elevata rispetto agli studenti con status socio-economico più basso. INVALSI rileva che, “in Italia gli studenti hanno raggiunto un punteggio medio di 523, significativamente superiore alla media internazionale che è di 508 punti“.

I descrittori della conoscenza sono organizzati in quattro livelli di complessità crescente, denominati con lettere dell’alfabeto, DALLA A alla D. Sul piano internazionale, circa “il 60% degli studenti ha ottenuto punteggi che li collocano almeno al livello B della scala di conoscenza civica, mentre la percentuale di studenti che non raggiungono il livello D è del 3%” In Italia, il 70% degli studenti raggiunge almeno il livello B. Solo l’1% degli studenti italiani non raggiunge il livello D. Si segnala altresì che le ragazze raggiungono una media di punteggi  significativamente superiore a quella dei ragazzi in quasi tutti i Paesi. In Italia il divario è pari a 27 punti.

Per quanto attiene alle fonti di informazione, quella più utilizzata in merito alle questioni politiche e sociali resta la televisione (68%), seguita da internet (43%) e dalla lettura dei giornali (28%). Inoltre, si segnala che “un terzo degli studenti partecipanti all’indagine ha dichiarato che discute di frequente, almeno settimanalmente, con i propri genitori su questioni politiche e sociali”. Coloro che affrontano frequentemente con i propri genitori temi di natura politica e sociale corrisponde al 47%. Gli studenti italiani, inoltre, mostrano una propensione alla partecipazione alle future elezioni maggiore rispetto alla media internazionale (52% la media nazionale rispetto al 49% dei partecipanti a ICCS 2022).

Relativamente al possibilità di confronto, partecipazione e condivisione a scuola, il 58% degli studenti italiani sono inseriti in Istituti i cui i dirigenti scolastici dichiarano che gli studenti sono coinvolti nelle attività di progettazione dell’offerta formativa della scuola. “Questa percentuale è più alta di 14 punti rispetto alla media internazionale. Sempre nel nostro Paese il punteggio nella scala clima di classe aperto alla discussione è di 55, superiore ai 50 punti della media IEA“.

Utilizziamo i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione, per personalizzare contenuti, per fornire funzionalità dei social media e per analizzare il nostro traffico. Dovrai accettare l’uso dei nostri cookie per continuare a utilizzare il nostro sito web. Leggi l’informativa privacy e la cookie policy.