News

Maxiemendamento al DL 36/2022 – Art. 44: Nuovi percorsi di formazione iniziale, selezione e formazione continua ed incentivata dei docenti

― 25 Giugno 2022

Orizzonte.it

Orizzonte.it – Testo maxi emendamento approvato in data 24/6

_____*_____

Prosegue oggi, mercoledì 22 giugno, l’esame del ddl n. 2598 di conversione del decreto-legge 30 aprile 2022 n. 36, recante ulteriori misure urgenti per l’attuazione del Piano nazionale di ripresa e resilienza (cd. decreto PNRR), avviato nella seduta di martedì 21 giugno, con le relazioni della senatrice Rojc e del senatore Cangini.

Sul provvedimento, il Governo ha preannunciato la posizione della questione di fiducia: l’emendamento interamente sostitutivo è stato inviato dopo l’esame della 5a Commissione (link).

Per i docenti in servizio presso le scuole paritarie è prevista una riserva di posti (che verrà definita in percentuale da successivo decreto) per i primi tre cicli del percorso universitario abilitante per i docenti con contratto di docenza già in essere:

Art. 2-bis comma 2: “Per i primi tre cicli dei percorsi di cui al presente articolo, i titolari di contratti di docenza presso una scuola statale, paritaria o nell’ambito di percorsi di istruzione e formazione professionale delle Regioni possono accedere ai percorsi di cui al comma 1 relativi alla classe di concorso interessata nei limiti della riserva di posti indicati dal decreto di cui al comma 4.”

«Art. 18-bis – (Norme transitorie per l’accesso al concorso e per l’immissione in ruolo), comma 1-bis: “Fino al termine del periodo transitorio di cui al comma 1, ai percorsi di specializzazione per le attività di sostegno didattico agli alunni con disabilità accedono nei limiti della riserva di posti stabilita con decreto del Ministero dell’università e della ricerca, di concerto con il Ministero dell’istruzione, coloro, ivi compresi i docenti assunti a tempo indeterminato nei ruoli dello Stato, che abbiano prestato almeno tre anni di servizio negli ultimi cinque su posto di sostegno nelle scuole del sistema nazionale di istruzione, ivi compresi le scuole paritarie e i percorsi di istruzione e formazione professionale delle regioni, e che siano in possesso dell’abilitazione all’insegnamento
e del titolo di studio valido per l’insegnamento. I percorsi sono svolti con modalità di erogazione convenzionale, interamente in presenza, ovvero esclusivamente per attività diverse delle attività di tirocinio e laboratorio, con modalità telematiche in misura comunque non superiore al 20
per cento del totale.”

Il testo adesso dovrà passare in Aula al Senato e poi alla Camera  per l’approvazione finale definitiva che dovrà avvenire entro il prossimo 29 giugno.

Per approfondire: Orizzontescuola.it

Utilizziamo i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione, per personalizzare contenuti, per fornire funzionalità dei social media e per analizzare il nostro traffico. Dovrai accettare l’uso dei nostri cookie per continuare a utilizzare il nostro sito web. Leggi l’informativa privacy e la cookie policy.