News

MIM – Ministero dell’Istruzione e del Merito: Nasce la Fondazione per la Scuola Italiana

― 24 Giugno 2024

Con un Comunicato del 24 giugno 2024, il Ministero dell’Istruzione e del Merito rende noto che, nella medesima giornata, è stata presentata  a Milano la Fondazione per la Scuola Italiana, ente no profit con il contributo iniziale di UniCredit, Banco BPM, Enel Italia S.p.A, Leonardo S.p.A e Autostrade per l’Italia.

Tale ente, prevede di raccogliere, entro il 2029, 50 milioni di euro da aziende, privati e bandi. La Fondazione, di concerto con il MIM, individuerà le esigenze dei vari territori, ottimizzando l’invio delle risorse, attraverso lo sviluppo di progetti e bandi nazionali. Contestualmente, è stato siglato anche un Protocollo di Intesa tra la Fondazione per la Scuola Italiana e il Ministero dell’Istruzione e del Merito.

Presidente della Fondazione è Stefano Simontacchi, partner dello studio legale Bonelli Erede. Il Consiglio di Amministrazione è costituito da:

  • Giovanni Azzone, presidente della Fondazione Cariplo,
  • Fabrizio Palenzona, presidente del Gruppo Prelios,
  • Rosa Lombardi, Docente Ordinario dell’Università “La Sapienza” di Roma.

E’ stato istituito, inoltre, un Collegio dei Garanti, di cui fanno parte:

  • Mario Comba in qualità di Presidente, a cui seguono i professori:
  • Giampio Bracchi,
  • Francesco Magni,
  • Francesco Manfredi,
  • Anna Maria Poggi,
  • l’Avvocato Umberto Ambrosoli Presidente di Fondazione BPM e Presidente di Banca Aletti,
  • Maurizio Beretta Presidente della Unicredit Foundation,
  • Nicolò Mardegan Direttore delle Relazioni Esterne di Enel S.p.A.

Si stima che, nel primo anno, siano raccolti 10 milioni di euro, che si mira ad implementare fino a 50 milioni entro il 2029. Tali fondi saranno investiti, grazie al coordinamento con il Ministero dell’Istruzione e del Merito, in misure di supporto delle scuole del Paese da Nord a Sud.

Utilizziamo i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione, per personalizzare contenuti, per fornire funzionalità dei social media e per analizzare il nostro traffico. Dovrai accettare l’uso dei nostri cookie per continuare a utilizzare il nostro sito web. Leggi l’informativa privacy e la cookie policy.