News

MINISTERO DELL’ISTRUZIONE: PNRR, via libera in Consiglio dei Ministri alla riforma degli Istituti tecnici e professionali

― 19 Settembre 2022

Ministero dell’Istruzione, Comunicati, miur.gov.it, 16.09.22

Con un Comunicato del 16.09.22, il Ministero dell’Istruzione rende noto che il Consiglio dei Ministri ha approvato un ulteriore provvedimento per l’attuazione del PNRR che prevede la Riforma degli Istituti Tecnici e Professionali, che intende rafforzare il legame tra formazione secondaria e terziaria, nonché fra scuola e mondo del lavoro.

Nella fattispecie, per gli Istituti tecnici si è decisa:

  1. una revisione degli indirizzi allo scopo di rafforzare le competenze linguistiche e STEM, orientando la didattica alle discipline inerenti “Industria 4.0”;
  2. l’introduzione di meccanismi orientati a collegare, costruendo un legame di continuità, l’istruzione tecnica con quella terziaria (ITS Academy, per esempio), riconoscendo crediti formativi universitari ai tirocini;
  3. la realizzazione di “Patti educativi 4.0”, allo scopo di favorire la circolazione e condivisione fra istituti tecnici e professionali, imprese, enti di formazione accreditati dalle Regioni, ITS Academy, università e centri di ricerca di risorse professionali, logistiche e strumentali;
  4. la strutturazione di un piano formativo destinato ai docenti degli istituti tecnici, in coerenza con le specificità produttive dei diversi contesti territoriali;
  5. l’erogazione diretta da parte dei Centri provinciali di istruzione per gli adulti (CPIA) di percorsi di istruzione tecnica non in rete con le istituzioni scolastiche di secondo grado o non adeguatamente sufficienti rispetto alle richieste dell’utenza e del territorio”;
  6. il riconoscimento di certificazioni che attestino le competenze delle studentesse e degli studenti dopo il primo biennio e dopo il secondo biennio, in corrispondenza con il secondo e il terzo livello del Quadro europeo delle qualifiche“.

La riforma degli Istituti Professionali è orientata a irrobustire la relazione della scuola con il mondo del lavoro, “in coerenza con gli obiettivi di innovazione, sostenibilità ambientale e competitività previsti dal PNRR, anche attraverso l’aggiornamento da parte delle istituzioni scolastiche del Progetto formativo individuale“. In ragione di questo, il Ministero dell’Istruzione dovrà elaborare delle Linee Guida per semplificare  il passaggio dagli istituti professionali agli Iefp (Istruzione e Formazione Professionale).

La riforma prevede, infine, l’istituzione presso il MI l’Osservatorio nazionale per l’istruzione tecnica e professionale. Sarà composto da 15 esperti del segmento formativo.

Si attende ora la pubblicazione ufficiale del Provvedimento.

Utilizziamo i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione, per personalizzare contenuti, per fornire funzionalità dei social media e per analizzare il nostro traffico. Dovrai accettare l’uso dei nostri cookie per continuare a utilizzare il nostro sito web. Leggi l’informativa privacy e la cookie policy.