News

MINISTERO DELL’ISTRUZIONE: Riforma ITS, via libera definitivo alla Camera

― 12 Luglio 2022

Ministero dell’Istruzione, Comunicati, 12.07.22

Con un Comunicato del 12 luglio 2022, il Ministero dell’Istruzione rende noto che la Camera dei Deputati ha approvato in Terza Lettura la riforma organica degli Istituti Tecnici Superiori (ITS), uno dei punti qualificanti del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR) per l’Istruzione. Si tratta di un settore particolarmente strategico in termini di occupabilità, all’interno del Sistema Nazionale di Istruzione. Secondo i dati del monitoraggio nazionale 2022, infatti, su 5.280 diplomati, l’80% (4.218) ha trovato un’occupazione nel corso dell’anno 2021, nonostante le restrizioni e le difficoltà causate dalla pandemia.

In ragione della neo-approvata Riforma gli ITS acquisiscono la nomenclatura di ITS Academy. Come si legge nel Comunicato, “ai nuovi ITS è affidato il compito di potenziare e ampliare la formazione professionalizzante di tecnici superiori con elevate competenze tecnologiche e tecnico-professionali“.

I requisiti richiesti per l’iscrizione a questi nuovi percorsi sono giovani sono il possesso di un diploma di scuola secondaria di secondo grado o di un diploma quadriennale di istruzione e formazione professionale, unitamente a un certificato di specializzazione dei corsi di istruzione e formazione tecnica superiore di almeno 800 ore. Sono ammessi sia giovani, sia adulti, purché in possesso dei requisisti appena esplicitati.

Ogni ITS Academy si occuperà di una delle specifiche aree tecnologiche definite per decreto, per la formazione di elevate competenze nei settori strategici per lo sviluppo del Paese, coerentemente con l’offerta lavorativa dei rispettivi territori.

“I percorsi formativi saranno suddivisi in due livelli, a seconda del quadro europeo delle qualifiche (European Qualification Framework – EQF): quelli di quinto livello EQF, di durata biennale, e quelli di sesto livello EQF, di durata triennale. Si articoleranno in semestri comprendenti ore di attività teorica, pratica e di laboratorio.

I percorsi formativi saranno suddivisi in due livelli, a seconda del quadro europeo delle qualifiche (European Qualification Framework – EQF): quelli di quinto livello EQF, di durata biennale, e quelli di sesto livello EQF, di durata triennale. Si articoleranno in semestri comprendenti ore di attività teorica, pratica e di laboratorio.”.

I nuovi ITS sono finanziati grazie a un  Fondo presso il Ministero dell’Istruzione la cui dotazione è di 48.355.436 euro annui a decorrere dal 2022. La Riforma prevede anche degli strumenti appositi per far conoscere queste realtà formative ai giovani e alle famiglie nonché per promuovere scambi di buone pratiche tra ITS Academy. A mò di esempio, sono previste campagne informative, attività di orientamento a partire dalla scuola secondaria di primo grado.

I prerequisiti per attivare un percorso ITS sono:

  • “almeno una scuola secondaria di secondo grado della stessa provincia, con un’offerta formativa attinente;
  • una struttura formativa accreditata dalla Regione, situata anche in una provincia diversa da quella sede della fondazione;
  • una o più imprese legate all’uso delle tecnologie di cui si occuperà l’ITS Academy;
  • un ateneo o un’istituzione dell’Alta formazione artistica, musicale e coreutica (AFAM) o un istituto di ricovero e cura a carattere scientifico o un Ente di ricerca”.

Un articolo di OrizzonteScuola.it, pubblicato il 12 luglio 2022, dedica un ampio approfondimento alla Riforma in questione.

Per approfondire:

Utilizziamo i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione, per personalizzare contenuti, per fornire funzionalità dei social media e per analizzare il nostro traffico. Dovrai accettare l’uso dei nostri cookie per continuare a utilizzare il nostro sito web. Leggi l’informativa privacy e la cookie policy.