News dalle scuole

Convegno: “Quale società per la dignità dell’uomo”

― 14 Ottobre 2019

La Società Antroposofica in Italia organizza a Milano – in collaborazione con le tre scuole steineriane cittadine – un convegno all’Università degli Studi di Milano dal titolo “Quale società per la dignità dell’Uomo” dal 25 al 27 ottobre (Aula Magna) con il patrocinio del Comune di Milano. Tre giornate di studio, riflessione e confronto attraverso un percorso di approfondimento multidisciplinare insieme a esperti negli ambiti di pedagogia, tecnologia, economia, salute e arte. Si parlerà di dignità dell’uomo da garantire in una contesto storico in cui le scelte e le pratiche quotidiane di ogni individuo possono diventare strumenti di crescita e sviluppo per tutta la società.

Sul tema della dignità dell’uomo nei vari ambiti si esprimeranno in conferenza plenaria numerosi relatori tra cui Manfred Spitzer, professore esperto in neuroscienze, la pedagogista Constanza Kaliks, l’imprenditore Marc Dasaules, lo storico dell’arte Philippe Daverio, l’attrice e regista Laura Curino, il musicista Franco Mussida.  Approfondimenti specifici in tavole rotonde si alterneranno a momenti artistici (reading, concerti e spettacoli).

Quesiti aperti – Durante le tre giornate di lavori, esperti, insegnanti e studiosi contribuiranno a stimolare il confronto su temi che riguardano la vita di tutti, dall’infanzia all’età adulta. Molte le questioni aperte: cosa ha comportato a livello pedagogico, sociale e lavorativo l’avvento dello sviluppo tecnologico degli ultimi anni? come tutto questo sta cambiando la nostra vita? Una tavola rotonda moderata da Giorgio Capellani, autore di “Crescere nell’era digitale”,  mette in relazione tecnologia, pedagogia e socialità. Quale economia può realmente porre l’uomo al centro, intendendolo non come mero strumento per generare utili, ma come portatore di valori? Un quesito che considera il lavoro come un veicolo di opportunità di sviluppo individuale e sociale e che sarà affrontato insieme economisti e imprenditori tra cui Michele Alessi (Fondazione Buon Lavoro), Fabio Brescacin (ecorNaturaSi), Giuseppe Ferraro (Argital), Iacopo G. Orlando (Aboca), Paolo Iabichino (comunicatore e saggista).Perché la salute dell’essere umano è parte imprescindibile del rispetto della sua dignità? “Stare bene” comporta una responsabilità sociale che include l’incontro e l’accoglienza dell’altro, quali momenti indispensabili per una reale conoscenza di sé. E infine – insieme a musicisti e storici dell’arte – si parlerà di arte nel senso più ampio del termine per testimoniare l’importanza della ricerca artistica in ogni attività umana.

Le scuole – Negli ultimi anni il numero delle scuole Steiner Waldorf è aumentato: ad oggi la Federazione nazionale conta 34 associazioni socie che gestiscono le scuole: 33 scuole dell’infanzia, 25 scuole primarie, 22 scuole secondarie di primo grado, 2 scuole secondarie di secondo grado per un totale di circa 4300 studenti. Il Veneto è la regione con più alto numero di associazioni, seguito da Lombardia, Trentino Alto Adige, Emilia Romagna, Lazio, Piemonte e Friuli Venezia Giulia.

Giovani volontari – Al convegno parteciperanno e contribuiranno allo svolgersi delle giornate gli studenti delle tre classi di liceo Scientifico della Scuola R. Steiner di via Clericetti: saranno loro ad accogliere i partecipanti e i relatori e a collaborare con il comitato organizzatore del convegno. Il coordinamento dei ragazzi sarà a cura dei Genitori Waldorf, movimento nazional costituito da genitori di allievi o ex allievi delle scuole.

Grazie a – Partner del convegno sono Fondazione Adriano Olivetti, NaturaSi e Waldorf 100. Insieme a Società Antroposofica in Italia hanno organizzato l’iniziativa anche Fondazione Antroposofica Milanese e le tre scuole cittadine (Libera Scuola R. Steiner, Scuola R. Steiner e Scuola Steineriana Cometa).

L’iniziativa è realizzata nell’ambito di Waldorf100, celebrazioni del centenario della pedagogia Waldorf, approccio educativo ideato da Rudolf Steiner nel 1919: la prima scuola con questo indirizzo pedagogico fu aperta grazie all’incontro tra Steiner stesso e l’imprenditore Emil Molt, spinto dal desiderio di dare un’istruzione agli operai della sua fabbrica. In Italia proprio a Milano, nel 1950, nacque la prima scuola steineriana.

Per le iscrizioni: www.dignitauomo.it

Scuola Rudolf Steiner
via Clericetti 45 Milano
www.scuolasteinermilano.it

Scarica pieghevole con programma
Scarica la locandina

Utilizziamo i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione, per personalizzare contenuti, per fornire funzionalità dei social media e per analizzare il nostro traffico. Dovrai accettare l’uso dei nostri cookie per continuare a utilizzare il nostro sito web. Leggi l’informativa privacy e la cookie policy.