News

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI: Comunicato stampa del Consiglio dei Ministri n. 55

― 6 Gennaio 2022

Presidenza del Consiglio dei Ministri, Comunicati, governo.it, 05.01.22

Con Comunicato n. 55 del 05 gennaio 2021, la Presidenza del Consiglio dei Ministri rende noto che il Consiglio dei Ministri si è riunito a Palazzo Chigi, alle ore 18.25 della medesima giornata, su proposta del Presidente Mario Draghi e del Ministro della salute Roberto Speranza, e ha approvato un Decreto-Legge che introduce nuove “Misure urgenti per fronteggiare l’emergenza COVID-19, in particolare nei luoghi di lavoro e nelle scuole“.

Scopi del provvedimento sono quelli di ridurre il più possibile la crescita dei contagi e proteggere le categorie più a rischio. Sinteticamente, il Decreto prevede:

  •  l’obbligo vaccinale per  gli “over 50“. Contestualmente, ai lavoratori pubblici e privati con 50 anni di età è richiesto il Green Pass Rafforzato per l’accesso ai luoghi di lavoro, a partire dal 15 febbraio 2022;
  • l’obbligo vaccinale è richiesto anche al personale universitario, al pari degli operatori scolastici;
    l’obbligo di Green Pass ordinario  per l’accesso ai servizi alla persona, a pubblici uffici, servizi postali, bancari e finanziari, attività commerciali ad eccezione di alcune ritenute essenziali che saranno precisate con un ulteriore provvedimento;
  • il ricorso al massimo utilizzo della “flessibilità prevista dagli accordi contrattuali in tema di lavoro agile“, sulla base di un’intesa fra i Ministri Renato Brunetta e  Andrea Orlando, che hanno divulgato tale raccomandazione attraverso apposita circolare, indirizzata  alle pubbliche amministrazioni e alle imprese private per raccomandare;
  • nuove regole per la gestione di casi di positività nelle scuole:
  1. Scuole dell’Infanzia: in caso di un solo caso di positività, si prevede la sospensione delle attività per una durata di dieci giorni;
  2. Scuola primaria: in caso di una sola positività, è prevista la sorveglianza con testing. Le lezioni in aula proseguono a fronte di un test antigenico rapido o molecolare, nel momento in cui risulta noto il caso di positività (T0). Tale test sarà ripetuto anche dopo cinque giorni (T5). In presenza di due o più positivi è attivata la didattica a distanza (DAD) per la durata di dieci giorni;
  3. Scuola Secondaria di Primo e secondo grado:  Nel caso di una sola positività, è prevista l’auto-sorveglianza e l’uso, in aula, delle mascherine FFP2. In caso di due positività, viene attivata la didattica digitale integrata per quanti hanno concluso il ciclo vaccinale primario da più di 120 giorni, per quanti sono guariti da più di 120 giorni e per quanti non hanno ricevuto la dose di richiamo. Negli altri casi, si prevede la prosecuzione delle attività in presenza con l’auto-sorveglianza e l’utilizzo di mascherine FFP2 in aula. Con tre casi nella stessa classe è prevista la DAD per dieci giorni.

La Presidenza del Consiglio dei Ministri, inoltre, allega al Comunicato in questione una estesa “Relazione sul Monitoraggio dei Provvedimenti attuativi“.

Il Ministero dell’Istruzione, con un Comunicato del 05 gennaio 2021, diffonde brevi dichiarazioni del Ministro Patrizio in relazione al Provvedimento e riassume le nuove misure previste per le scuole, qui riassunte. Viene sottolineato, inoltre, che saranno potenziate le attività di screening, anche attraverso lo stanziamento di oltre 92 milioni, per consentire alla popolazione scolastica di sottoporsi ai test gratuitamente sia in farmacia, sia nelle strutture convenzionate.

E’ attesa, nelle prossime ore, la Pubblicazione in “Gazzetta Ufficiale” del Decreto di cui sopra.

Per approfondire:

Utilizziamo i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione, per personalizzare contenuti, per fornire funzionalità dei social media e per analizzare il nostro traffico. Dovrai accettare l’uso dei nostri cookie per continuare a utilizzare il nostro sito web. Leggi l’informativa privacy e la cookie policy.