News

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI: L’intervento del Presidente Draghi alla Conferenza nazionale sulla disabilità

― 14 Dicembre 2021

Presidenza del Consiglio dei Ministri, governo.it, 13.12.21

Con una Comunicazione del 13 dicembre 2021, la Presidenza del Consiglio dei Ministri pubblica il testo dell’intervento del Presidente del Consiglio Mario Draghi alla Conferenza nazionale sulla disabilità. 

Dopo aver sottolineato che ciascun disturbo ha caratteristiche specifiche e che, comunque, ogni individuo con diversa abilità ha peculiarità sue proprie, il Presidente ha ricordato il disagio che la pandemia ha procurato a questi soggetti, anche in materia di Istruzione. Ha affermato, infatti, che “la crisi sanitaria ha acuito le debolezze del sistema di sostegno per le persone non autosufficienti” e che “dei 281 mila studenti con disabilità che frequentano le scuole italiane, quasi uno su quattro non ha potuto partecipare alla didattica a distanza nei primi mesi della pandemia“.

In merito alla notizia relativa alla decurtazione di 200 milioni di euro per la disabilità, Mario Draghi ne ha smentito la fondatezza, dichiarando che: “Non è così. La somma rimane nell’ambito delle disabilità e quindi non c’è da preoccuparsi e se necessario naturalmente si farà di più perché la volontà del governo è molto chiara su questo. Nonostante le difficoltà, il Governo si è mosso con determinazione per aiutare le persone con disabilità durante l’emergenza. Ciò è avvenuto anche “nelle scuole – dove, a partire da marzo, gli studenti con disabilità sono potuti tornare in presenza anche in zona rossa, in anticipo rispetto a molti loro compagni”. 

Il PNRR prevedrebbe circa 6 miliardi di euro per le diverse abilità, da investire nell’ “accessibilità ai trasporti e ai luoghi della cultura nell’abbattimento delle “barriere architettoniche che impediscono alle persone con disabilità di usufruire dei servizi come tutti gli altri cittadini”. Saranno potenziate inoltre, “l’assistenza di comunità, l’assistenza domiciliare, la telemedicina, per prevenire l’istituzionalizzazione”. Saranno garantite, infine, tutte “le cure necessarie in un contesto autonomo e socialmente adeguato, per combattere la marginalizzazione”.

Mario Draghi ha concluso il suo intervento ponendo l’accento sul diritto alle pari opportunità per le Persone con disabilità: “Dobbiamo accogliere la loro legittima aspettativa di vivere pienamente la propria vita, i propri sogni, le proprie speranze. E dobbiamo accompagnare le loro famiglie in questo percorso, perché sia il più semplice e condiviso possibile. Perché i diritti e l’aspirazione di tutti i cittadini abbiano uguale valore e uguale dignità”.

Per approfondire:

Utilizziamo i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione, per personalizzare contenuti, per fornire funzionalità dei social media e per analizzare il nostro traffico. Dovrai accettare l’uso dei nostri cookie per continuare a utilizzare il nostro sito web. Leggi l’informativa privacy e la cookie policy.