Rassegna stampa

A fare da bastian contrario è rimasta solo la scuola, fuori è tutto mainstream

― 20 Novembre 2021

Marco Lodoli, ilFoglio.it, 20.11.21

“Pochi giorni fa cercavo di spiegare Adam Smith, teorico del liberismo economico, del “laissez faire”, e anche ideatore della suddivisione del lavoro, che non è più seguito dall’inizio alla fine dall’artigiano, ma viene scomposto in tanti minimi segmenti, ognuno dei quali ignora cosa c’è prima e cosa c’è dopo. “Non so se avete mai visto la divertentissima e terribile scena di ‘Tempi Moderni’, con Charlie Chaplin alla catena di montaggio…”, ho aggiunto, e intanto sulla Lim cercavo lo spezzone del film. Tra questi miei studenti di diciotto, diciannove, venti anni, nessuno aveva mai visto “Tempi moderni”, e fin qui niente di troppo strano. Più strano, forse, è che nessuno avesse mai sentito nominare Charlie Chaplin. “Ma come, il vagabondo con la bombetta e il bastoncino… ‘Luci della città’, ‘Luci della ribalta’, Chaplin, uno dei più grandi artisti della storia del cinema, uno dei più grandi artisti in assoluto del Novecento, un poeta…”. Niente, non pervenuto.

Qualcosa di simile mi è capitato in un’altra classe, in cui spiegavo come poesia e musica a un certo punto si sono separate, ma per tanto tempo sono state unite, come ad esempio nella poesia provenzale, tra i trovatori”.

[Leggi l’articolo]

Utilizziamo i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione, per personalizzare contenuti, per fornire funzionalità dei social media e per analizzare il nostro traffico. Dovrai accettare l’uso dei nostri cookie per continuare a utilizzare il nostro sito web. Leggi l’informativa privacy e la cookie policy.