Rassegna stampa

Educazione. Terrore e solitudine si possono sfidare (con Ungaretti e Giussani)

― 22 Marzo 2022

Roberto Ceccarelli, ilSussidiario.net, 22.03.22

Non sono mai stato tanto attaccato alla vita”. È l’appassionata conclusione di “Veglia”, poesia di Ungaretti. La leggo con i miei studenti in questi giorni di una guerra mai per loro così vicina. Non lo faccio tanto per confortarli con un lieto fine, ma per captare in me e in loro, in dialogo con il poeta, ogni più piccola vibrazione dell’umano”.

[Leggi l’articolo]

Utilizziamo i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione, per personalizzare contenuti, per fornire funzionalità dei social media e per analizzare il nostro traffico. Dovrai accettare l’uso dei nostri cookie per continuare a utilizzare il nostro sito web. Leggi l’informativa privacy e la cookie policy.