Rassegna stampa

L’autenticità delle tecnologie come apertura dialogica

― 21 Dicembre 2021

Fausto Colombo, OsservatoreRomano.va, 20.12.21

“L’appello di Papa Francesco nel discorso ai movimenti popolari del 16 ottobre scorso, rivolto ai giganti della tecnologia (e – in particolare, si direbbe — alle grandi piattaforme social, come Facebook, Instagram e Twitter) attualizza una preoccupazione che ha accompagnato l’attuale Pontefice fin dalla sua elezione: la promozione della comunicazione come risorsa umana fondamentale per la convivenza fraterna fra gli uomini, associata alla critica nei confronti di quelle strategie dei media — intesi non solo in quanto tecnologie, ma anche e soprattutto come imprese basate su specifici modelli organizzativi e di business — che pospongono la difesa dell’ecosistema della comunicazione ai propri interessi economici e politici.

Nell’accorato appello del Pontefice si rilegge la tradizione del Magistero nella riflessione sulle comunicazioni sociali (soprattutto a partire dal Concilio Vaticano II ), ma anche un legame forte con la riflessione teorica contemporanea sulla cosiddetta “società delle piattaforme”.

Già nel 1971, l’istruzione pastorale Communio et progressio mostrava l’attenzione prudente e non banalmente entusiastica della Chiesa verso i media: «Molti esperti, (…) con validi motivi asseriscono che questi strumenti non fanno altro che rispecchiare e registrare i costumi già in atto nella società; altri invece ritengono che essi contribuiscono ad esaltare e più largamente propagandare quelle nuove tendenze; così mentre esse sono presentate come ormai invalse nel comune comportamento, a poco a poco s’introducono nel costume sociale. Ci sono poi altri che fanno ricadere la massima responsabilità di questa situazione proprio sugli stessi strumenti» (Communio et Progressio, 22)”.

[Leggi l’articolo]

Utilizziamo i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione, per personalizzare contenuti, per fornire funzionalità dei social media e per analizzare il nostro traffico. Dovrai accettare l’uso dei nostri cookie per continuare a utilizzare il nostro sito web. Leggi l’informativa privacy e la cookie policy.