Rassegna stampa

Letteratura. Susanna Tamaro e la natura maestra di vita

― 23 Novembre 2021

Alessandro Zaccuri, Avvenire.it, 21.11.21

“Nella letteratura europea continuano a fare scuola i libri nei quali il poeta belga Maurice Maeterlinck, premio Nobel nel 1911, descrisse la vita delle api, delle termiti, delle formiche, mentre in ambito italiano resta celebre la pagina dello Zibaldone nella quale Giacomo Leopardi spinge lo sguardo oltre le apparenze di un giardino, scoprendo la vita che brulica e combatte fra il terriccio e le radici. Ma si potrebbe risalire ancora più indietro, fino a Le opere e giorni di Esiodo e alle Georgiche di Virgilio, opere fondative per il rapporto dell’essere umano con l’ambiente che lo circonda. Entrambe, non a caso, sono esplicitamente citate da Susanna Tamaro in Invisibile meraviglia (Solferino, pagine 192, euro 16), il libro che raccoglie le “piccole lezioni sulla natura” alle quali la scrittrice si è dedicata durante la lunga quarantena del 2020. «Mentre i media ci bombardavano di tragici bollettini e di immagini di morte e di disperazione – ricorda –, la natura intorno a noi stava esplodendo nel grande canto della vita che ogni primavera porta con sé».

A rendere più acuta la percezione del contrasto è il punto di osservazione di Tamaro. Che abita da tempo in un casale nelle campagne di Orvieto e che da sempre nutre una passione irriducibile per il mondo delle piante e degli animali, con una simpatia piuttosto spiccata per i soggetti di solito ritenuti meno degni di considerazione: gli insetti, per esempio, che infatti in Invisibile meraviglia abbondano”.

[Leggi l’articolo]

Utilizziamo i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione, per personalizzare contenuti, per fornire funzionalità dei social media e per analizzare il nostro traffico. Dovrai accettare l’uso dei nostri cookie per continuare a utilizzare il nostro sito web. Leggi l’informativa privacy e la cookie policy.