Rassegna stampa

Letture. Carrón e Galimberti in dialogo sul «credere» nella contemporaneità

― 24 Maggio 2022

Marina Corradi, Avvenire.it, 22.05.22

“C’era una volta, in ere remote, il tempo. Era un tempo ciclico, che si ripeteva inesorabile di stagione in stagione, nei millenni. Nascita, crescita, declino, morte – di ogni cosa viva. Per Israele, con la chiamata di Abramo, la novità è straordinaria: Dio gli promette una discendenza infinita, Dio annuncia un futuro buono”.

[Leggi l’articolo]

Utilizziamo i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione, per personalizzare contenuti, per fornire funzionalità dei social media e per analizzare il nostro traffico. Dovrai accettare l’uso dei nostri cookie per continuare a utilizzare il nostro sito web. Leggi l’informativa privacy e la cookie policy.